Giulio MANICÒ

Ricercatore di FISICA SPERIMENTALE [FIS/01]
Ufficio: DFA 358
Email: gmanico@dmfci.unict.it
Telefono: 5364
Sito web: www.dmfci.unict.it/users/gmanico/didattica.html


Ricercatore in Fisica presso l’Università degli Studi di Catania dal 2002, G. Manicò insegna Fisica Generale nei corsi di Laurea in Ingegneria. La sua attività di ricerca riguarda principalmente i processi fisici e chimici che avvengono nel mezzo interstellare.

Laureatosi nel 1993 presso l’Università degli Studi della Calabria, G. Manicò ha ottenuto nel 1998 il titolo di Dottore di Ricerca in Fisica. Dal novembre 2002 è ricercatore confermato presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università degli Studi di Catania. La sua attività di ricerca riguarda principalmente lo studio sperimentale della formazione di molecole su superfici solide. G. Manicò è co-editor, insieme a V. Pirronello e J. Krelowski, del volume “Solid State Astrochemistry”; egli è inoltre co-autore di vari articoli scientifici pubblicati su riviste internazionali. Dal 1999 G. Manicò ha lavorato per vari periodi presso il Physics Department della Syracuse University (U.S.A.), collaborando agli esperimenti condotti da V. Pirronello e G. Vidali sulla formazione di molecole su superfici amorfe e policristalline. Nel 2007 G. Manicò è stato invitato dal Prof. J.L. Lemaire a lavorare con il gruppo da lui guidato presso l’Università di Cergy-Pointoise (Francia). Durante la sua attività di ricerca G. Manicò ha anche collaborato con Ofer Biham della Hebrew University of Jerusalem (Gerusalemme, Israele), Jacek Krelowski della Kopernick University of Torun (Torun, Polonia) e Francois Dulieu della Università di Cergy-Pointoise (Parigi, Francia). Dall’anno accademico 2002-2003 G. Manicò è docente di Fisica Generale nei corsi di Laurea in Ingegneria presso l’Università di Catania. Egli ha anche tenuto per alcuni anni l’insegnamento “Modeling in Astrochemistry” per la Scuola di Dottorato in Fisica dell’Università di Catania.

Ecco di seguito una selezione di 10 pubblicazioni.

Pumo, M. L.; Zampieri, L.; Spiro, S.; Pastorello, A.; Benetti, S.; Cappellaro, E.; Manicò, G.; Turatto, M.
Radiation-hydrodynamical modelling of underluminous Type II plateau supernovae
Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, Volume 464, Issue 3, p.3013-3020 (2017)

Congiu, Emanuele; Minissale, Marco; Baouche, Saoud; Chaabouni, Henda; Moudens, Audrey; Cazaux, Stephanie; Manicò, Giulio; Pirronello, Valerio; Dulieu, François
Efficient diffusive mechanisms of O atoms at very low temperatures on surfaces of astrophysical interest
Faraday Discussions, vol. 168, p. 151 (2014)

Minissale, M.; Congiu, E.; Manicò, G.; Pirronello, V.; Dulieu, F.
CO2 formation on interstellar dust grains: a detailed study of the barrier of the CO + O channel
Astronomy & Astrophysics, Volume 559, id.A49, 9 pp. (2013)

Accolla, M.; Congiu, E.; Manicò, G.; Dulieu, F.; Chaabouni, H.; Lemaire, J. L.; Pirronello, V.
Morphology of the solid water synthesized through the pathway D + O2 studied by the sensitive TPD technique
Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, Volume 429, Issue 4, p.3200-3206 (2013)

Chaabouni, H.; Minissale, M.; Manicò, G.; Congiu, E.; Noble, J. A.; Baouche, S.; Accolla, M.; Lemaire, J. L.; Pirronello, V.; Dulieu, F.
Water formation through O2 + D pathway on cold silicate and amorphous water ice surfaces of interstellar interest
Journal of Chemical Physics, Volume 137, Issue 23, pp. 234706-234706-12 (2012)

Accolla, Mario; Congiu, Emanuele; Dulieu, François; Manicò, Giulio; Chaabouni, Henda; Matar, Elie; Mokrane, Hakima; Lemaire, Jean Louis; Pirronello, Valerio
Changes in the morphology of interstellar ice analogues after hydrogen atom exposure
Physical Chemistry Chemical Physics, vol. 13, issue 17, p. 8037 (2011)

Perets, H. B.; Lederhendler, A.; Biham, O.; Vidali, G.; Li, L.; Swords, S.; Congiu, E.; Roser, J.; Manicó, G.; Brucato, J. R.; Pirronello, V.
Molecular Hydrogen Formation on Amorphous Silicates under Interstellar Conditions
The Astrophysical Journal, Volume 661, Issue 2, pp. L163-L166 (2007)

Galazutdinov, G. A.; Manicò, G.; Krelowski, J.
Blueshifted diffuse interstellar bands in the spectrum of HD 34078
Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, Volume 366, Issue 3, pp. 1075-1080 (2006)

Perets, Hagai B.; Biham, Ofer; Manicó, Giulio; Pirronello, Valerio; Roser, Joe; Swords, Sol; Vidali, Gianfranco
Molecular Hydrogen Formation on Ice Under Interstellar Conditions
The Astrophysical Journal, Volume 627, Issue 2, pp. 850-860 (2005)

Roser, J. E.; Manicò, G.; Pirronello, V.; Vidali, G.
Formation of Molecular Hydrogen on Amorphous Water Ice: Influence of Morphology and Ultraviolet Exposure
The Astrophysical Journal, Volume 581, Issue 1, pp. 276-284 (2002)

 

Insegnamenti tenuti presso altri dipartimenti

  • 2019/2020 - DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA ELETTRONICA E INFORMATICA
    Corso di laurea in Ingegneria industriale - 1 anno
    FISICA I P - Z

  • 2018/2019 - DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA ELETTRONICA E INFORMATICA
    Corso di laurea in Ingegneria industriale - 1 anno
    FISICA I P - Z

  • 2017/2018 - DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA ELETTRONICA E INFORMATICA
    Corso di laurea in Ingegneria industriale - 1 anno
    FISICA I P - Z

  • 2016/2017 - DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA ELETTRONICA E INFORMATICA
    Corso di laurea in Ingegneria industriale - 1 anno
    FISICA I P - Z

  • 2015/2016 - DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE
    Corso di laurea in Ingegneria industriale - 1 anno
    FISICA I P - Z

  • 2019/2020 - DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMEDICHE E BIOTECNOLOGICHE
    Corso di laurea in Scienze motorie - 1 anno
    CHIMICA E FISICA

  • 2019/2020 - DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMEDICHE E BIOTECNOLOGICHE
    Corso di laurea in Terapia occupazionale - 1 anno
    FISICA MEDICA E STATISTICA MEDICA

Il principale filone di ricerca di G. Manicò riguarda lo studio, soprattutto dal punto di vista sperimentale, dei processi fisici e chimici che avvengono nel mezzo interstellare. Quest’ultimo è da decenni un campo di ricerca molto attivo. Una mole rilevante di lavori è stata dedicata alla costruzione di dettagliati modelli in grado di spiegare le abbondanze delle centinaia di molecole osservate. Tali modelli sono stati fino ad ora soprattutto basati su schemi di reazioni tra specie in fase gassosa. Di recente si è, però, compresa sempre più l’importanza della presenza dei solidi (i grani di polvere) per l’arricchimento di specie che non si formano agevolmente tramite reazioni in fase gassosa. Il successo di tali modelli dipende in maniera cruciale dalla disponibilità di misure di laboratorio nelle condizioni estreme che si incontrano negli spazi interstellari e circumstellari. In particolare, grande importanza è stata data, di recente, allo studio sperimentale di quelle reazioni chimiche che si suppone avvengano sulle superfici dei grani di polvere interstellare, in virtù dell’azione catalitica di queste ultime.

 

G. Manicò è membro del Comitato Scientifico Regionale Sicilia Premio Asimov.