La prima immagine di un buco nero

Giorno 21 gennaio 2020, con inizio alle ore 10:30, presso l'Aula Magna del DFA, su invito della Dott.ssa Isabella Pagano, Direttrice dell'OACT-INAF, il Professor Luciano Rezzolla (ITP, Francoforte) descriverà La prima immagine di un buco nero.

Abstract: I will briefly discuss how the first image of a black hole was obtained by the EHT collaboration. In particular, I will describe the theoretical aspects that have allowed us to model the dynamics of the plasma accreting onto the black hole and how such dynamics was used to generate synthetic black-hole images. I will also illustrate how the comparison between the theoretical images and the observations has allowed us to deduce the presence of a black hole in M87 and to extract information about its properties. Finally, I will describe the lessons we have learned about strong-field gravity and alternatives to black holes.

L'evento sarà preceduto da una lezione pubblica presso l'Auditorium di Città della Scienza (Università di Catania), giorno 20 gennaio 2010.

Tutti gli interessati sono invitati a partecipare a entrambi gli eventi.

Breve nota biografica: Luciano Rezzolla

Nato a Milano, Luciano Rezzolla è Preside di Astrofisica Teorica e Direttore dell'Istituto di Fisica Teorica (ITP) a Francoforte. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Astrofisica presso la Scuola Internazionale Superiore di studi Avanzati (SISSA) di Trieste, nel 1997. Dopo diversi anni trascorsi all'Università dell'Illinois a Urbana-Champaign, è tornato alla SISSA per una posizione di ruolo.

Già Professore Associato presso la SISSA e Direttore del Centro di Calcolo, nel 2006 si è trasferito all'Istituto Max-Planck per la Fisica Gravitazionale a Potsdam a capo del gruppo di relatività numerica. Nel 2013 si è trasferito a Francoforte ad occupare la cattedra di Astrofisica Teorica all'Università Wolfgang Goethe.

Nel 2013, ed insieme ai colleghi Heino Falcke e Michael Kramer, la sua ricerca è stata premiata con un prestigioso finanziamento di 14 milioni di euro da parte del Consiglio Europeo della Ricerca. I fondi erogati per finanziare il progetto BlackHoleCam rappresentano il finanziamento Europeo piu' consistente per l'astrofisica.

Nel 2017 ha ottenuto il "Karl Schwarzschild Preis" dalla Walter Greiner Foundation per i suoi studi su buchi neri e stelle di neutroni e nel 2019 è stato nominato per la "Andrews Professorship in Astronomy", la posizione più prestigiosa posizione accademica al Trinity College di Dublino, Irlanda. Sempre nel 2019 ed insieme ad I suoi colleghi dellla collaborazione EHT è stato insignito del 2020 Breakthrough Prize for Fundamental Physics.

La sua ricerca si incentra sulla fisica e l'astrofisica di oggetti compatti, come i buchi neri e le stelle di neutroni, che studia impiegando simulazioni numeriche eseguite su supercomputer. Insieme ai suoi collaboratori, ha sviluppato alcuni tra i più sofisticati codici della relatività numerica ed è autore di un noto libro sull'idrodinamica relativistica.

Tra il 2017 e il 2019, come membro del comitato direttivo della collaborazione internazionale Event Horizon Telescope, egli ha contributo alla ricerca che ha prodotto la prima immagine di un buco nero al centro della galassia M87. In particolare, le simulazioni numeriche e le predizioni teoriche prodotte dal suo gruppo di Francoforte sono state fondamentali per comprendere le origini dell'emissione e dedurre le proprietà del buco nero.

Lunedì, 20 Gennaio, 2020 to Mercoledì, 22 Gennaio, 2020