Notizie


19 Marzo 2010. La copertina del numero del 19 Marzo 2010  di Physical Review Letters e' stata dedicata ad un articolo di cui 
Vito Latora e' co-autore.
Riporto di seguito i links relativi links:
http://prl.aps.org/covers/104/11
http://prl.aps.org/abstract/PRL/v104/i11/e118701


03 Febbraio 2010. Anche due tecnici del nostro Dipartimento (Nunzio Giudice e Nunzio Guardone) hanno partecipato alla riparazione dell' LHC. Dopo l' incidente del settembre 2008, occorso appena pochi giorni dopo la prima messa in funzione dell' acceleratore, i magneti danneggiati dall' esplosione sono stati sostituiti o riparati e tale riparazione ha richiesto un anno. Ma al contempo, tutte le saldature tra tutti i magneti dell' acceleratore sono state riesaminate e un programma per renderle piu' affidabili e sicure e' stato eseguito.


19 Marzo 2010. Questa notte entrambi i fasci dell' LHC sono stati accelerati con successo a 3.5 TeV ciascuno. Da fine marzo la risultante energia di collisione di 7 TeV diventera' l' energia standard per i prossimi due anni circa. Solo dopo un fermo tecnico di circa un anno nel 2012 l' energia sara' portata ai 7 TeV per fascio di progetto.

Leggi anche qui sotto l' annuncio ufficiale del Direttore del CERN:


29 marzo 2010. L’ articolo  “The Peter principle revisited: a computational study” di
A. Pluchino, A. Rapisarda, C. Garofalo, Physica A 389 (2010) 467
pubblicato a febbraio 2010, è già nella top list degli “ hot papers”, 
precisamente al 5° posto, della rivista Physica A, vedi link 
http://elsevier.dmdelivery.com/x/?S7Y1_p9ra2L5v8jW0NDSxNIYAAr34.
Il lavoro ha ricevuto fra gli altri anche l' attenzione del  “New York Times”  
a dicembre fra le idee dell' anno 2009, vedi link


30 Marzo 2010. Da circa mezz' ora (dalle ore 13.00) sono cominciate le collisioni p-p a 7 TeV nell' LHC. Entrambi i fasci, accelerati a 3.5 TeV ciascuno, sono stabili e collidono in tutti e 4 i punti di interazione sperimentali (ALICE, ATLAS, CMS, LHCb).

 

La dichiarazione ufficiale del Direttore Generale del CERN:

Beams collided at 7 TeV

 


Pagine